facebook
Gli ordini effettuati prima delle 12:00 vengono spediti immediatamente | Spedizione gratuita su 80 EUR

Il futuro del CBD: diventerà un farmaco?

La canapa è erroneamente demonizzata e considerata una droga dannosa. Certamente alcune forme di utilizzo non sono benefiche per la salute, ma parleremo dei suoi effetti positivi. Questi sono noti fin dall'antichità, quando le antiche civiltà dell'attuale India li conoscevano e coltivavano la cannabis per loro. Questi popoli sapevano che alcune sostanze della pianta di cannabis e della pianta di canapa indiana avevano un effetto miracoloso contro alcune malattie.

Negli ultimi tempi l'attenzione per la cannabis è aumentata e sono stati condotti diversi studi e ricerche sui suoi effetti. Una delle sostanze più discusse negli ultimi anni è il CBD o cannabidiolo. Si trova in tutte le parti della pianta, è legale e non produce effetti spiacevoli quando viene ingerito. Vediamo quindi a cosa serve e come utilizzarlo.

Cos'è il CBD?

Il CBD, noto anche come canabidil o cannabidiolo, è una sostanza appartenente al gruppo dei cannabinoidi comunemente presenti nelle piante di cannabis. Appartiene allo stesso gruppo del più noto "parente" THC, che rende la cannabis psicoattiva quando viene ingerita. Il CBD, invece, non ha questa proprietà e quindi può essere utilizzato in modo sicuro in medicina, o anche in medicina, dove il cannabidiolo è già entrato a far parte dei primi farmaci antiepilettici. Attualmente sono in corso numerose ricerche sugli effetti positivi del CBD sul corpo umano e si prevede che in futuro farà ulteriori progressi in campo medico.

Effetti positivi del CBD

In medicina, gli effetti del CBD sono già stati provati dagli utenti, che in genere non rinunciano ai prodotti contenenti questa sostanza. Trattandosi di una sostanza naturale con pochissimi effetti collaterali, è possibile per tutti provarla in prima persona. Anche i pazienti che assumono farmaci non devono preoccuparsi, poiché nella maggior parte dei casi il cannabidiolo non presenta controindicazioni con le sostanze medicinali. Per cosa può essere usato il CBD?

  • Isonno e altri disturbi del sonno, jet lag
  • Malattie neurologiche e neurodegenerative (morbo di Alzheimer e di Parkinson, sclerosi multipla o epilessia)
  • Malattie psichiatriche (ansia, depressione, disturbo bipolare)
  • Problemi e malattie della pelle (acne, psoriasi, eczema atopico e altre eruzioni cutanee)
  • Ulcere del ventre, vene varicose e piaghe da decubito (sotto forma di pomate)
  • Dolore o infiammazioni ricorrenti di varia natura

Stai scegliendo un prodotto a base di CBD per la prima volta? Concentratevi su quanto segue

Reale contenuto di CBD - assicuratevi che il contenuto di CBD sia sempre indicato in milligrammi. Le etichette con le percentuali sono spesso molto fuorvianti e se i milligrammi non sono indicati, fate attenzione e cercate un altro prodotto. Più alto è il contenuto, più forte e solitamente migliore è l'olio o altro prodotto. I migliori oli contengono fino a 1000 mg in un flacone da 10ml.

Trattamento - Il metodo di lavorazione è un altro aspetto importante, perché se non è abbastanza delicato, l'olio perderà molte delle sostanze contenute e non sarà più efficace e di alta qualità. Cercate prodotti che abbiano subito un'ossidazione minima o che siano stati spremuti a freddo.

Origine - È importante che l'origine dell'olio e degli altri prodotti a base di CBD sia puramente naturale. Fate attenzione alle sostanze chimiche aggiunte, come coloranti artificiali o altri "elementi essenziali". Questi non trovano posto nei prodotti a base di CBD. Le materie prime stesse sono ovviamente la migliore qualità biologica, che è quella che i prodotti migliori possono garantire. Questa qualità è importante in termini di residui di pesticidi o insetticidi. Anche l'origine delle piante è molto importante. È vero che la cannabis proveniente dall'India o dalla Cina è di qualità inferiore.

Altre sostanze contenute - Gli oli ad ampio spettro e a spettro completo e i prodotti a base di CBD contengono solitamente altre sostanze attive presenti nella canapa, come terpeni, flavonoidi o varie vitamine e altri cannabinoidi. Il contenuto di THC di un buon prodotto non deve assolutamente superare lo 0,2 %, come previsto dalla legge. Altre sostanze possono includere vari oli naturali o erbe come la comfrey o la calendula.

Sdílet:
Categoria
Top